Condizionatori e Coronavirus: consigli e chiarimenti | Climamarket
Spedizione gratuita sopra i € 250
Home » Che aria tira? » Focus » Condizionatori e Coronavirus: consigli e chiarimenti

Condizionatori e Coronavirus: consigli e chiarimenti

condizionatori e coronavirus: consigli e chiarimenti

13 maggio, 2020 / Focus

I condizionatori diffondono il virus? È vero che si rischia il contagio? Facciamo chiarezza.
L’estate è ormai alle porte e, anche quest’anno, i meteorologi confermano temperature sopra la norma e caldo afoso. Considerata la situazione di emergenza che stiamo attraversando a causa del coronavirus, non è certo che quest’anno potremo rinfrescarci al mare. Molti sono già ricorsi all’acquisto di condizionatori ma tanti altri hanno ancora dubbi sulla possibilità o meno di usarli dal momento che potrebbero veicolare il virus.

A tal proposito, le domande sono numerose e si arricchiscono di giorno in giorno. Proviamo a fornire tutte le risposte in questo articolo.

La domanda a cui vogliamo rispondere è: “I condizionatori diffondono il virus oppure no?”. Ebbene, nessuno vi darà mai una risposta secca come SI o NO. Al momento, i pareri sono discordanti e sono al vaglio numerosi test per comprendere l’effettiva minaccia dei condizionatori d’aria. Quello che è certo è che si possono utilizzare ma seguendo delle precauzioni. Vi spieghiamo quali e perché.

Occorre, innanzitutto, ricordare che, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la trasmissione aerea del virus non è comprovata. Mentre, è certo che il virus si propaga tramite il droplet, goccioline d’acqua e saliva emesse da persone infette. Per questo motivo è importante mantenere le distanze e adoperare dispositivi di sicurezza come guanti e mascherine.

È certo anche che le goccioline possono depositarsi su diverse superfici tra cui filtri e prese d’aria dei condizionatori con un conseguente maggiore rischio in ambienti in cui sia presente un paziente positivo al covid-19. C’è da precisare che i condizionatori riciclano l’aria indoor, la purificano tramite appositi filtri e la rigettano nell’ambiente. A scanso di equivoci, se in casa non vivono persone infette, IL VIRUS NON PUO’ ESSERE DIFFUSO proprio perché non sono presenti particelle patogene. Dunque, l’ipotesi di contagio tramite condizionatore d’aria è veramente minima. Differente è il discorso che riguarda uffici e locali commerciali in cui la frequenza promiscua di più soggetti è già di per sé una minaccia per la diffusione del contagio. Minaccia che potrebbe essere potenziata con l’attivazione degli impianti di condizionamento.

Per evitare che ciò accada e stare più tranquilli è opportuno seguire delle precauzioni.

  • E’ importante tenere ben puliti filtri e apparecchi, igienizzare i condizionatori in uso negli ambienti domestici e sanificare gli impianti di condizionamento negli uffici o locali commerciali. Sarebbe buona prassi effettuare la pulizia prima dell’accensione nella stagione estiva e subito dopo la fine di quella invernale. Infatti, i filtri dei condizionatori captano anche altri agenti patogeni come muffe, funghi o batteri che potrebbero provocare altri tipi di malattie non meno gravi. I moderni climatizzatori e condizionatori sono attrezzati con filtri antipolline antiparticolato che devono essere mantenuti puliti al fine di garantire un corretto funzionamento. In presenza di cattiva manutenzione, la pressione con cui l’aria viene convogliata negli ambienti potrebbe spingere particelle microscopiche indesiderate ed esporci a problemi di carattere respiratorio. Al contrario, se l’impianto è pulito tenderà a pulire e lavare l’aria, rimuovendo le particelle sospese e deumidificando l’ambiente.
  • In casa o nei locali di piccole dimensioni è consigliabile pulire le griglie dei condizionatori, lavare i filtri degli split e le parti esposte. Basta acqua e sapone liquido e, per un’igienizzazione approfondita, si suggerisce di utilizzare prodotti igienizzanti specifici con l’apposito uso di guanti e mascherina.
  • Le cose cambiano quando si parla di locali commerciali e uffici di grandi dimensioni che usufruiscono di impianti di condizionamento multizona o impianti canalizzati. In questo caso la semplice igienizzazione non basta. Bisogna ricorrere alla sanificazione affidandosi a tecnici specializzati che si avvalgono di tecnologia a shock termico per iniezione e contemporanea aspirazione di vapore ad alta temperatura e pressione. In tal caso non basterà pulire i filtri ma si dovranno sanificare tutti i componenti dell’impianto: batterie calde e fredde, umidificazione ad acqua e batterie di post-riscaldamento, canalizzazioni di distribuzione aria e dello stato dei filtri ai vari livelli.

Che si tratti di condizionatori per uso domestico o impianti di condizionamento per locali commerciali, è sempre utile seguire i consigli diramati dalla Società Italiana di Medicina Ambientale (Sima) al fine di ridurre i rischi di propagazione del coronavirus:

  • igienizzare e sanificare i filtri prima dell’accensione;
  • aprire le finestre e fare arieggiare l’ambiente per alcuni minuti più volte al giorno o dotarsi di sistemi di Ventilazione Meccanica Controllata (VMC), in grado anche di filtrare l’aria esterna in entrata;
  • rivolgere verso l’alto il flusso dell’aria evitando che scenda diretto sulle persone presenti nell’ambiente;
  • mantenere tassi di umidità tra il 50% e il 70% in estate e il 40% e il 60% in inverno;
  • laddove possibile, eliminare la funzione riciclo dell’aria per evitare l’eventuale trasporto di agenti patogeni.

Mai come in questo periodo, la pulizia del condizionatore è un’operazione da non sottovalutare e da effettuare con cura. I benefici non riguardano solo la riduzione in percentuale della diffusione del virus ma anche il benessere della persona, l’efficienza e la durata dell’impianto e il risparmio in termini di consumo energetico.

In ogni caso, ricordiamo che valgono sempre le REGOLE STABILITE DAL GOVERNO al fine di ridurre i rischi di contagio da covid-19.

Per maggiori approfondimenti si rimanda al PROTOCOLLO, diramato dall’ AiCARR, Associazione Italiana Condizionamento dell’Aria Riscaldamento Refrigerazione, relativo alla diffusione del virus tramite l’uso dei condizionatori nei luoghi di lavoro.

 

Iscriviti alla nostra newsletter
15 € di sconto*

*coupon cedibile valido 12 mesi su una spesa minima di € 500

Mondo Climamarket

Non solo leader nella climatizzazione: sosteniamo eventi, iniziative e progetti. Scopri tutte le nostre attività.

Seguici sui social

CLIMAMARKET.IT

Vuoi ricevere maggiori informazioni?
I nostri esperti sono a tua completa disposizione

DAL LUN AL VEN
8.30 - 13.00 e 14:30 - 19:00
SAB 8.30 - 13.00

Spedizioni affidabili

Gratuite per ordini superiori a € 250
Il costo è di 10€ per ordini fino a € 250

La data di consegna è indicata in scheda prodotto

TOP SHOP

Pagamenti sicuri

Vuoi ricevere maggiori informazioni?
I nostri esperti sono a tua completa disposizione

DAL LUN AL VEN
8.30 - 13.00 e 14:30 - 19:00
SAB 8.30 - 13.00

Gratuite per ordini superiori a € 250
Il costo è di 10€ per ordini fino a € 250

La data di consegna è indicata in scheda prodotto

TOP SHOP

Pagamenti sicuri

Spedisci in

Confronta