Sconto in fattura: Bonus Casa e Ecobonus 2022 | Climamarket
Home » Sconto in Fattura

Sconto in Fattura per Bonus Casa e Ecobonus 2022: come funziona? Ultime notizie sulla proroga

8 categorie

Sei un installatore? Clicca qui


La Legge di Bilancio 2022 ha confermato Bonus Casa ed Ecobonus rinnovando anche la possibilità di ricorrere alla cessione del credito e allo sconto in fattura, sia per l'installazione di un nuovo impianto che per la sostituzione di uno già esistente. Su Climamarket le agevolazioni con lo sconto in fattura del 2022 coinvolgono tanti prodotti diversi:

  • condizionatori
  • caldaie
  • pompe di calore
  • scaldabagni
  • stufe a pellet
  • termocamini
  • inserti a pellet
  • pannelli solari
  • sistemi ibridi

Vediamo ora come funziona lo sconto in fattura, quali sono le differenze con la cessione del credito e quali requisiti e documenti sono necessari per accedere ad Ecobonus.

 

Bonus Casa e Ecobonus 2022 con sconto immediato in fattura

Lo sconto in fattura permette di usufruire delle agevolazioni fiscali senza dover attendere i tempi burocratici per la detrazione IRPEF, fissati su 10 o 5 anni a seconda delle diverse tipologie di bonus. 

Grazie al Decreto Rilancio, è possibile ottenere lo sconto del 50% o 65% direttamente dal fornitore che anticipa la somma detraibile dalle imposte e necessaria per coprire tutte le spese, comprese quelle di installazione.

Climamarket è stato il primo e-commerce ad applicare lo sconto in fattura direttamente al carrello dello shop online, così da semplificare la gestione della pratica per i clienti. Lo stesso impegno continua per tutto il 2022, potendo scegliere di usufruire dell'Ecobonus fino al 50% o 65% oppure del Bonus Casa al 50%.

Lo sconto in fattura, quindi, è un anticipo della detrazione. In questo modo il bonus diventa davvero accessibile a tutti, anche a chi dispone di minori possibilità economiche e vorrebbe effettuare dei lavori oggetto di bonus.

Novità 2022 per Bonus Casa ed Ecobonus: scadenza e proroghe

Una delle novità più importanti apportate dalla nuova Legge di Bilancio è la modifica delle scadenze dei classici Ecobonus, in particolare di quelli al 50% e al 65%. Entrambi sono stati infatti prorogati fino al 31 dicembre 2024. La proroga riguarda tutti gli interventi di installazione di nuovi impianti o di sostituzione o realizzazione di impianti di climatizzazione invernale con pompa di calore, solare termico e caldaie a condensazione.

 

Come funziona lo sconto in fattura

Lo sconto in fattura è una modalità di rimborso che consente di ricevere uno sconto direttamente in fattura. Questa procedura non va confusa con la cessione del credito, una modalità con caratteristiche e destinatari diversi.

Differenza tra cessione del credito e sconto in fattura

Esiste una sostanziale differenza tra cessione del credito e sconto in fattura. Mentre con lo sconto in fattura si paga di meno, con la cessione del credito è obbligatorio pagare l'intero importo della fattura ricevendo poi un rimborso da banche o altri istituti finanziari.

Esempio sconto in fattura su una spesa di 10.000 euro 

Immaginiamo di sostituire la vecchia caldaia con un modello di classe energetica A e di spendere 10.000 euro. Sfruttando l'Ecobonus al 65%, l'Agenzia delle Entrate restituirà il 65% di quanto speso in 10 anni, tramite delle detrazioni sulle tasse IRPEF che vengono versate allo Stato 

Nel caso dello sconto in fattura, lo sconto è immediato e spenderemmo solo 3.500 euro, perché la somma restante la anticiperebbe l'impresa - che a sua volta la recupererebbe pagando meno tasse in futuro.

 

Ecobonus e Bonus Casa: Sconto in fattura 65% e 50%

Con Climamarket.it si può decidere se approfittare dello sconto immediato in fattura direttamente al carrello online, nella forma di Ecobonus fino al 50% e 65% oppure di Bonus Casa al 50%. Vediamoli nel dettaglio.

Ecobonus al 65%

L'Ecobonus fino al 65% comprende tutti gli interventi di sostituzione che mirano alla riqualificazione energetica degli edifici esistenti correttamente accatastati:

  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A+ di prodotto, con l'obbligo di installazione delle valvole termostatiche e comando evoluto*;
  • acquisto e intallazione di pompe di calore ad alta efficienza in sostituzione di impianti di climatizzazione invernale; 
  • acquisto e installazione di impianto solare termico per la produzione di acqua calda sanitaria;
  • acquisto e installazione di scaldacqua a pompa di calore  o di sistemi ibrido costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione; 
  • acquisto e installazione di dispositivi di termoregolazione evoluta.

*Affinché la caldaia possa usufruire dell'ecobonus 65% è necessario installare un sistema di termoregolazione evoluto appartenente alla classe V, VI, o VIII della Comunicazione della Commissione 2014/C 207/02.

N.B Con Climamarket, l’acquisto e sostituzione di una stufa pellet consente di accedere all’Ecobonus ma usufruendo di una detrazione pari al 50%.

Bonus Casa al 50%

Se non si possiede un vecchio impianto da sostituire, è possibile usufruire del Bonus Casa al 50% per nuova installazione. I prodotti interessati sono:

  • condizionatori
  • pompe di calore
  • stufe a pellet
  • termocamini
  • scaldabagni

Limiti di spesa e documentazione per detrazioni fiscali

Gli interventi contemplati dall'Ecobonus devono, per legge, non superare determinati limiti di spesa

Per le caldaie a condensazione, le pompe di calore e gli scaldacqua a pompa di calore questo limite è di 30.000 euro, mentre si assesta sui 60.000 e sui 100.000 euro per il solare termico per produzione di acqua calda sanitaria e per gli interventi di riqualificazione globale energetica di edifici esistenti. Per il Bonus Casa, il limite è invece di 96.000 euro.

Documenti richiesti per lo sconto immediato in fattura con Climamarket

Per lo sconto in fattura su un nuovo impianto - e quindi per approfittare del Bonus Casa al 50% -, sono richiesti:

  • la visura catastale aggiornata dell'immobile (non più vecchia di 12 mesi). Alla visura catastale pensiamo noi: ti basterà indicare il codice fiscale del proprietario dell'immobile nel form che ti invieremo tramite mail dopo aver eseguito l'ordine;
  • tessera sanitaria in corso di validità;
  • carta d’identità o passaporto
  • per la nuova installazione di un generatore a biomassa (stufe a pellet, termocamini, inserti, stufe a legna, caldaie a pellet) è richiesta SCIA o CILA.

Per l'Ecobonus al 65% o al 50%, sono sempre necessari:

  • la visura catastale aggiornata dell'immobile (non più vecchia di 12 mesi). Alla visura catastale pensiamo noi: ti basterà indicare il codice fiscale del proprietario dell'immobile nel form che ti invieremo tramite mail dopo aver eseguito l'ordine;
  • tessera sanitaria in corso di validità;
  • carta d’identità o passaporto
  • la foto del vecchio generatore da sostituire e la foto della sua etichetta.

Attenzione: che si tratti di Bonus casa o di Ecobonus, dopo aver spedito la merce ti verrà richiesto di inviarci le foto geolocalizzate del nuovo generatore installato inseme alle date di inizio e fine lavori al fine di poter elaborare la pratica Ade (per il bonus casa) o la pratica Enea (per l'Ecobonus). Ti basterà cliccare sul link che ti invieremo tramite mail quando la merce verrà spedita. E' necessario l'utilizzo di uno smartphone con fotocamera e la geolocalizzazione attiva sul dispositivo.

Cliccando su prodotti selezionati nel catalogo online di Climamarket, è possibile scegliere l'acquisto alternativo con sconto in fattura, per un ulteriore risparmio economico sull’acqusito di un nuovo generatore di calore. 

Grazie a un form, tutta la documentazione richiesta sarà caricata in pochi clic e controllata da un operatore che verificherà i relativi requisiti per accedere alle agevolazioni. Sarà poi necessario effettuare un bonifico parlante per detrazione fiscale affinché l'ordine venga elaborato e spedito.

Durante questa fase, per le pratiche relative all'Ecobonus, sarà richiesto di indicare le date di inizio e fine lavori per poter elaborare la pratica ENEA. Per usufruire delle detrazioni fiscali occorre infatti trasmettere per via telematica all'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile le informazioni sugli interventi terminati per le ristrutturazioni edilizie  - Bonus Casa 50% (Pratica ADE) - che comportano risparmio energetico e/o utilizzo delle fonti rinnovabili e per gli interventi di riqualificazione energetica - Ecobonus 50% o 65% - che prevedono la sostituzione di un vecchio impianto di riscaldamento. 

Entro 90 giorni dalla data di fine lavori, si è obbligati ad inviare comunicazione dell'intervento eseguito con le informazioni a riguardo. Su Climamarket.it il servizio è incluso nel costo del prodotto e darà accesso al massimo del confort, al miglioramento della qualità dell'aria e dell'ambiente grazie a prodotti di ultima generazione.

 

Tabella categorie catastali

CATEGORIE CATASTALI
 ECOBONUS  BONUS CASA
A/1 Abitazione di tipo signorile
A/2 Abitazione di tipo civile
 ✓  ✓
A/3 Abitazione di tipo economico
 ✓  ✓
A/4 Abitazione di tipo popolare
 ✓  ✓
A/5 Abitazione di tipo ultrapopolare
 ✓  ✓
A/6 Abitazione di tipo rurale
 ✓  ✓
A/7 Abitazione in villini
 ✓  ✓
A/8 Abitazione in ville
 ✓  ✓
A/9 Castelli, palazzi di pregio artistico o storico
 ✓
A/10 Uffici e/o studi privati
 ✓  No
A/11 Abitazioni o alloggi tipici dei luoghi (es. rifugi, baite, trulli, ecc.)
  ✓
B/1 Collegi, convitti, educandati, ricoveri, orfanotrofi, ospizi, seminari, caserme,conventi
  ✓  No
B/2 Case di cura e ospedali
  ✓  No
B/3 Riformatori e prigioni
  ✓  No
B/4 Uffici pubblici
  ✓  No
B/5 Scuole e/o laboratori scientifici
  ✓  No
B/6 Pinacoteche, biblioteche, musei, gallerie d’arte, accademie che non hanno sede nella categoria A/9
  ✓  No
B/7 Cappelle ed oratori non destinati all’esercizio pubblico del culto
  ✓  No
B/8 Magazzini sotterranei per depositi di derrate
  ✓  No
C/1 Negozi e botteghe
  ✓  No
C/2 Magazzini e locali di deposito
  ✓  No
C/3 Laboratori e locali di deposito
  ✓  No
C/4 Fabbricati per arti e mestieri
  ✓  No
C/6 Stalle, scuderie, rimesse ed autorimesse
  ✓  No
D/1 Opifici
  ✓  No
D/2 Alberghi e pensioni
  ✓  No
D/3 Teatri, cinema, sale per concerti / spettacoli e simili
  ✓  No
D/4 Case di cura ed ospedali
  ✓  No
D/5 Istituti di credito, cambio ed assicurazione
  ✓  No
D/6 Fabbricati e locali per attività sportive
  ✓  No
D/7 Fabbricati costruiti o comunque adattati per le speciali esigenze legate ad una attività industriale e non suscettibili di diversa utilizzazione se non con radicali trasformazioni
  ✓  No
D/8 Fabbricati costruiti o comunque adattati per speciali esigenze di una attività commerciale e non suscettibili di diversa utilizzazione se non con radicali trasformazioni
  ✓  No
D/10 Residence
  ✓  No
D/11 Scuole e/o laboratori scientifici privati
  ✓  No

FAQ

Lo sconto in fattura è un modo diverso di usufruire delle agevolazioni fiscali previste per gli interventi di riqualificazione energetica senza dover attendere la detrazione Irpef in 10 o 5 anni prevista dalle diverse tipologie di bonus. Grazie al Decreto Rilancio 2020 è possibile ottenere lo sconto del 50% o 65% direttamente dal fornitore che anticipa la somma detraibile dalle imposte e necessaria per coprire tutte le spese.

Secondo l'art. 121, c. 1 del Decreto Rilancio, in alternativa alla detrazione, è possibile optare:

a) per un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto fino a un importo massimo pari al corrispettivo dovuto, anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi e da quest'ultimo recuperato sotto forma di credito d'imposta, con facoltà di successiva cessione del credito ad altri soggetti, ivi inclusi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari.

Possono usufruire dello sconto in fattura riguardante l’Ecobonus al 65% o al 50% tutti i contribuenti assoggettati all'imposta Irpef anche i titolari di reddito d’impresa. Possono usufruire dello sconto in fattura riguardante il Bonus casa al 50% solo i contribuenti assoggettati all'imposta Irpef, non soltanto proprietari degli immobili ma anche i titolari di diritti reali/personali di godimento sugli immobili oggetto degli interventi e che ne sostengono le relative spese.

L’opzione sconto in fattura potrà essere adoperata fino al 31 dicembre 2024.

Per acquistare su Climamarket.it scegliendo l’opzione sconto in fattura, è necessario:

-essere in posso di un immobile correttamente accatastato e avere a disposizione una visura catastale aggiornata, pena il decadimento del diritto di accedere alla detrazione;

-presentare copia della carta di identità e codice fiscale;

-se si tratta di un intervento di sostituzione, è richiesta la foto del vecchio generatore e della sua etichetta.

 

Dopodiché, ai fini di accedere alle agevolazioni e ottenere lo sconto in fattura bisogna presentare:

-fatture degli acquisti effettuati;

-bonifico parlante per detrazione fiscale. La cui causale varia a seconda del tipo di bonus. Per i lavori di efficientamento energetico che riguardano l’ecobonus bisognerà indicare l’articolo che determina la detrazione: art. 1 L. n. 296/2006, ex art. 1 L. 244/2007, ex art. 14 D.L. n.63/13 s.m.i.; Per i lavori di ristrutturazione che rientrano nel bonus casa bisognerà indicare nella causale del bonifico l’articolo che determina la detrazione: art. 16-bis del Dpr 22 dicembre 1986 n.917 . In entrambi i casa è necessario indicare il numero della fattura e la sua data, oltre che al C.F. del beneficiario e alla partita iva del fornitore.

 

Inoltre, è necessario conservare con cura la seguente documentazione:

- Certificazione del fornitore (produttore o importatore) che attesti il rispetto dei requisiti tecnici;

- Schede tecniche dei componenti;

- Fattura di vendita;

- Ricevuta del bonifico parlante per detrazione fiscale;

- Scheda ENEA;

- Ricevuta di invio all'ENEA (i.e. codice CPID).

Si, è possibile sostituire l’impianto di riscaldamento con lo sconto in fattura usufruendo dell’ecobonus 50% o 65%.

Si, è possibile sostituire la vecchia caldaia con un sistema a pompa di calore come i condizionatori.

Si, per poter acquistare e installare una nuova caldaia con sconto in fattura è necessario sostituire la vecchia caldaia usufruendo dell’ecobonus 65%. Per i sistemi a pompa di calore come i condizionatori non è necessaria la sostituzione se si usufruisce del bonus casa.

Si, è possibile usufruire dello sconto in fattura sulla nuova installazione esclusivamente per l’acquisto di condizionatori e pompe di calore tramite Bonus Casa 50%. Per altri tipi di generatori è necessaria la sostituzione.

Sono ammessi:

- impianti dotati di caldaie a condensazione in classe A o A+;

- impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, come le stufe a pellet;

- impianti a pompa di calore;

- sistemi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica.

In caso di comproprietà dell’immobile l’agevolazione spetta a chi sostiene le spese.

Iscriviti alla nostra newsletter
15 € di sconto*

*coupon cedibile valido 12 mesi su una spesa minima di € 500

Mondo Climamarket

Non solo leader nella climatizzazione: sosteniamo eventi, iniziative e progetti. Scopri tutte le nostre attività.

Seguici sui social
CLIMAMARKET.IT

Vuoi ricevere maggiori informazioni?
I nostri esperti sono a tua completa disposizione

numero verde

DAL LUN AL VEN
9.00 - 18:00

Gratuite per ordini superiori a € 250
Il costo è di 10€ per ordini fino a € 250

La data di consegna è indicata in scheda prodotto

btn
sda
Riconoscimenti

TOP SHOP 2022 - 2023

TOP SHOP 2021 - 2022

Pagamenti sicuri
metodi pagamento footer
metodi pagamento footer mobile

CLIMAMARKET.IT

Vuoi ricevere maggiori informazioni?
I nostri esperti sono a tua completa disposizione

numero verde

DAL LUN AL VEN
9.00 - 18:00

Gratuite per ordini superiori a € 250
Il costo è di 10€ per ordini fino a € 250

La data di consegna è indicata in scheda prodotto

btn
sda
Riconoscimenti

TOP SHOP 2022 - 2023

TOP SHOP 2021 - 2022

Pagamenti sicuri
metodi pagamento footer
metodi pagamento footer mobile
Confronta